10-11-12-13 e 17-18-19-20 Novembre 2016

SAGRACHIANNIEVENTIUTILITÀ
 
 

 

Cucina

 

 

La cucina è, insieme all'accoglienza e all'ospitalità, uno dei nostri pezzi forti. I piatti che sono degustati alla Sagra sono interamente realizzati dalle pazienti donne del nostro paese, con prodotti locali in cucine nuovissime, ma con la sapienza di una volta.

 

Con arte sopraffina, le cuoche preparano le parti più nobili del cinghiale proponendole in salsa, con funghi e polenta, in umdio con o senza olive, oppure arrosto.

 

Scarica il menu della Sagra.

 

 

RICETTE

 

ZUPPA DI CAVOLO (per 10 persone)

 

Ingredienti:
4 hg di pane
½ kg di fagioli
1 cavolo
1 sedano
7/8 carote
4/5 zucchini
½ kg di patate

1 menata di fagiolini
1 cipolla
1 porro
3 spicchi d'aglio
1 tubetto di conserva
2 dadi
Sale, pepe e tanto olio di oliva

 

Procedimento:
In fondo a una pentola mettere tanto olio, le carote a fettine, metà sedano, porro, 2 o 3 spicchi d'aglio e soffriggere. Quando il soffritto ha preso un bel colorito, aggiungere il concentrato, con un po' d'acqua. Appena comincia a bollire, aggiungere le verdure affettate: carote, zucchine, il sedano rimasto, patate, cavolo, fagiolini (metà interi e metà passati dal passatutto) e due dadi. Si fa bollire lentamente per due ore e mezzo, girando in continuazione perché non si attacchi. Quando è pronta, si versa sul pane tagliato a fette fini. Il pane deve essere raffermo e possibilmente cotto nel forno a legna. Occorre mettere il pane in un recipiente basso facendo uno strato di verdure e uno di pane. A piacere si può condire con un poco di olio crudo.

 

CHINGHIALE IN AGRODOLCE (per 4 persone)

 

Ingredienti:
800 g di polpa di cinghiale priva di cotenna,

grassi e ossicini
100 g di olio d'oliva
3 cucchiai di aceto di vino rosso
2 costole di sedano
3 chiodi di garofano
150 g di prugne secche
50 g di arancia candita tagliata a dadini

1 noce di burro

1 cucchiaino di cacao amaro in polvere

2 bicchieri di vino rosso

1 cipolla

1 carota

2 cucchiai di uva sultanina

1 cucchiaio di pinoli

1 cucchiaio scarso di farina

Un pizzico di timo

Pepe nero in grani

Sale

 

Procedimento:
Tagliate la carne in piccoli pezzi e ponetela a marinare in un ampia terrina con il sedano e la carota tagliata a pezzetti, mezza cipolla affettata sottilmente, i chiodi di garofano, il timo, il pepe in grani, il vino e l'aceto. Mettere il recipiente in un luogo fresco, ma non freddo, e lasciare marinare per 24 ore. Trascorso questo tempo, ammorbidite in acqua tiepida le prugne secche e l'uva sultanina. In una casseruola mettere 50 g di olio e l'altra mezza cipolla finemente affettata, unite la carne sgocciolata e fate rosolare a fiamma viva. Appena la carne sarà colorita, unite le verdure della marinata e, poco alla volta, il liquido. Abbassate il fuoco e continuate la cottura per circa un'ora e mezzo, quindi aggiungete le prugne, l'arancia candita, l'uvetta e i pinoli. Sciogliete il cacao in poca acqua tiepida e aggiungetelo al resto, regolate il sale e ultimate la cottura. Pochi minuti prima di togliere la carne dal fuoco unite una noce di burro ben amalgamata con la farina, rigirate il tutto molto accuratamente e servite in tavola molto caldo.

 

 

 

Programma
Comodi a tavola
Durante la Sagra...
Storia della Sagra
Caccia
Cucina
Prodotti locali
Gemellaggi

 

 

 

 
   
 
CHI SIAMO | CREDITS | CONTATTI